cima MAPpa Uscita
DIRITTI DI UNA VITTIMA RESIDENTE
IN UN ALTRO STATO MEMBRO DELL’UE
 

Subire un crimine in uno Stato Estero pone la vittima in una situazione di particolare vulnerabilità a causa della mancanza di conoscenza delle procedure giudiziarie e dei servizi di assistenza disponibili e delle difficoltà di comprensione di un’altra lingua. 

Di solito, oltretutto, il soggiorno della vittima nel paese in cui si è verificato il crimine è breve, e questo rende difficile la sua partecipazione al processo.

Una persona residente in un paese dell’Unione Europea che ha subito un reato in un altro paese dell’UE può presentare una denuncia alle autorità del suo paese di residenza.

Le autorità del paese di residenza della vittima devono prontamente trasmetterla alle autorità competenti del territorio in cui è stato commesso il reato. Nell’Unione Europea, la vittima di un reato in un paese diverso da quello della residenza beneficia della possibilità di far verbalizzare le sue prime dichiarazioni.