cima MAPpa Uscita
 
 
FORZE DELL’ORDINE
 
     
 

Le Forze dell’Ordine Italiane (Polizia, Carabinieri, Polizia Locale e Guardia di Finanza) hanno un ruolo chiave nel garantire, oltre alla sicurezza dei cittadini, anche che i procedimenti penali procedano senza problemi.

Quando una Forza dell’Ordine viene a conoscenza che è stato commesso un reato perché è stata presentata una denuncia/querela o perché un agente è stato testimone di un crimine, ha il dovere di informare il Pubblico Ministero il prima possibile. Tuttavia, se esiste il pericolo che le prove del reato possano essere perse o distrutte, prima di informare il Pubblico Ministero, le Forze dell’Ordine dovrebbero eseguire urgentemente tutte le azioni necessarie per evitare che ciò accada, ad esempio requisendo immediatamente il veicolo in cui un è stato commesso un omicidio o rilevando le prove dalla scena del crimine.

Una volta informato il Pubblico Ministero, quest’ultimo darà indicazione alle Forze dell’Ordine (che prendono funzione di Polizia Giudiziaria) di proseguire le indagini.
Durante l’indagine, se la vittima desidera fornire ulteriori informazioni e conoscere lo stato di avanzamento del procedimento, deve contattare l’ufficiale di Polizia Giudiziaria incaricato delle indagini. Se la vittima è stata minacciata o intimidita, o teme per la sua incolumità, dovrebbe immediatamente denunciare alle Forze dell’Ordine.

LA POLIZIA GIUDIZIARIA
La Polizia Giudiziaria deve raccogliere tutti gli elementi utili alla ricostruzione del fatto e alla individuazione del colpevole, compiendo, tra l’altro, le seguenti attività:

  • ricerca delle cose e delle tracce pertinenti al reato;
  • conservazione di esse e dello stato dei luoghi;
  • ricerca delle persone in grado di riferire su circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti;
  • compimento degli atti urgenti.